09.12.2011

HIRSCHER COGLIE AL VOLO LA POSSIBILITÀ

1, 2, 3. Dopo la vittoria e il secondo posto nel doppio slalom gigante, la star ATOMIC Marcel Hirscher ha concluso il tour americano con il terzo posto nello slalom. L’atleta di salisburgo è partito dalla discesa di the bird of prey con gli ATOMIC D2 Race e, come un rapace (in inglese "bird of prey", per usare un gioco di parole) ha catturato un totale di 240 punti nella coppa del mondo. L’evoluzione dei materiali dell’attrezzatura ATOMIC ha supportato Hirscher nel raggiungimento del suo sedicesimo podio nella coppa del mondo.

Con il miglior tempo dopo il primo run, Marcel Hirscher era già raggiante come il sole su Beaver Creek: “Non importa come finirà la gara, ho visto che le cose funzionano. Ci sono. I test intensivi hanno avuto successo. L’organizzazione del mio materiale è al top grazie alla squadra ATOMIC." Dopo la seconda gara con degli errori e il terzo posto finale, Hirscher è stato comunque contento: “Di certo preferisco vincere ma i risultati generali sono stati grandi. Primo, secondo, terzo: perfetto. È valsa la pena venire a Beaver Creek.“ Infatti Marcel Hirscher torna in Europa come leader della serie Nor-Am e terzo nella classifica generale della Coppa del Mondo (con un totale di 280 punti).

ATOMIC PUNTA AI CLASSICI CON L'EVOLUZIONE DEI MATERIALI

L’entourage ATOMIC ora si sposta dal Nord America all’Europa. Dopo le nevicate e l’ok da Gröden, il team di prova ATOMIC sta lavorando senza sosta per l’adattamento alle condizioni europee e per l’ulteriore test sull’evoluzione dei materiali, soprattutto nelle discipline di velocità. Il Direttore racing ATOMIC Rudi Huber è stato soddisfatto dei riscontri positivi dalle unità di prova. È fiducioso riguardo alle gare: “Teniamo in considerazione il riscontro dei nostri atleti e continuiamo i test per migliorare ulteriormente i nostri materiali. Sono ansioso di assistere a classici a Gröden, in Alta Badia e soprattutto al doppio in casa a Flachau.“