25.01.2012

NERVI D'ACCIAIO: PRIMA VITTORIA IN CASA PER HIRSCHER

Grandissima prestazione in slalom e nervi d'acciaio: Marcel Hirscher, star di ATOMIC, ha conquistato la sesta vittoria della stagione nella notturna di Schladming, la prima davanti al pubblico di casa, dopo due uscite consecutive e i sospetti sul presunto salto di un paletto. ATOMIC ha supportato Hirscher con il leggerissimo "becco di avvoltoio" posto sul naso dello sci, per impedire il salto dei paletti.

377 prima della gara di Coppa del Mondo di Schladming, Marcel Hirscher ha realizzato un vero e proprio capolavoro utilizzando gli ATOMIC RACE 165 SL dotati dei nuovissimi "becchi", davanti a 45.000 spettatori entusiasti. Nella prima manche ha fatto registrare un vantaggio di 75 centesimi di secondo, concludendo la manche con un tempo complessivo di manche di 50,13 secondi. "Per me era già una vittoria, indipendentemente da come sarebbe terminata la gara. Ho dimostrato a tutti che sapevo sciare. Dopo avere parlato con Kostelic e Neureuther mi sono sentito meglio. Ora possiamo concentrarci tutti sulle cose importanti". La seconda manche si è chiusa con un vantaggio di 22 centesimi di secondo sul secondo classificato, aggiudicandosi in questo modo la 9° vittoria di Coppa del Mondo.


Il direttore di gara di ATOMIC, Rudi Huber, ha elogiato i nervi d'acciaio del giovane atleta di ATOMIC. "Marcel è un atleta straordinario; mi congratulo con lui per il modo in cui ha saputo mantenere la propria freddezza dopo avere saltato un paletto due volte di fila nelle gare di Wengen e di Kitzbühel e dopo le accuse che alcuni concorrenti hanno sollevato nei suoi confronti. Anche i "becchi" avvitati sugli sci, realizzati in una plastica leggera ma particolarmente robusta, hanno svolto un ruolo positivo sulla psiche di Marcel".


Marlies Schild stupisce gli uomini

Marlies Schild, la regina dello slalom che gareggia per ATOMIC, non ha entusiasmato solo la folla radunatasi sul Planai, ma anche i propri colleghi maschi. Marcel Hirscher ha seguito la sua gara sul monitor collocato alla partenza. Il tempo non ufficiale (53,09 secondi) sarebbe stato sufficiente per piazzarsi 25° nella seconda manche. Benni Raich, che si è piazzato al 9° posto, ha lodato della fidanzata, che ha superato di 1,37 secondi nella prima manche: "Lei è velocissima e dopo la gara mi ha dato per radio una serie di informazioni importanti sulle condizioni del tracciato".

Share