• ATOMIC Marlies Schild, Mikaela Shiffrin
  • ATOMIC Marlies Schild
  • ATOMIC Mikaela Shiffrin
  • ATOMIC Erik Guay
Race 30.12.2011

LA SERIE POSITIVA DI MARLIES SCHILD E UNA NUOVA STELLA

Serie straordinarie. Quarto slalom e quarta vittoria - l'eccezionale atleta di Atomic, Marlies Schild, ha festeggiato il 31° trionfo in slalom in occasione della Coppa del Mondo di Lienz. Ora solo 3 vittorie la separano dal record di trionfi in Coppa del Mondo appartenente a Vreni Schneider e 6 dal coronamento di una stagione perfetta, con 10 vittorie consecutive in slalom. Con il suo 3° posto, la sedicenne statunitense Mikaela Shiffrin, anch'essa parte del team Atomic, è stata la grande sorpresa di questa gara. Dopo la discesa maschile di Bormio, Erik Guay ha mancato il podio per soli 22 centesimi di secondo.

1,19 – 1,87 – 0,46 – 0,79. Espresso in numeri, è così che Marlies Schild si pone in testa rispetto alle altre atlete di Coppa del Mondo. “Semplicemente mi godo ogni singola gara. Per me lo sci è divertimento allo stato puro”, così Marlies Schild ha commentato la sua 33a vittoria in Coppa del Mondo. Mentre lei continua a lavorare alla sua stagione perfetta in slalom, il tecnico Rudi Berger prosegue nel suo lavoro per mantenere perfetti i materiali e i nuovi obiettivi: “Marlies è una perfezionista, con la quale è molto divertente lavorare; io penso che sia proprio questo il segreto del suo successo. In slalom gigante c'è margine di miglioramento. Dopo l'11° e il 15° posto ora vogliamo aggiudicarci un posto tra le prime 10”. La mascotte della squadra ATOMIC, la sedicenne Mikaela Shiffrin, è salita con grande orgoglio sul terzo gradino del podio. L'enfant prodige statunitense ha conquistato il 3° posto grazie al miglior tempo nella seconda manche, dopo essersi piazzata 12° nella prima. Era al suo 8° traguardo di Coppa del Mondo!

ERIK GUAY QUARTO A BORMIO MALGRADO IL VENTO CONTRARIO

Erik Guay ha dato prova di grandi qualità sulla discesa più ripida della Coppa del Mondo. Quarto posto per l'atleta di ATOMIC, proprio come nella gara poi annullata di Val Gardena. “Mi fa piacere avere tagliato il traguardo sano e salvo. Purtroppo ho dovuto gestire il vento contrario prima del salto di San Pietro, altrimenti sarei probabilmente salito sul podio. Non vedo l'ora di affrontare le classiche del nuovo anno”.